Una nobile follia

[Download] ✤ Una nobile follia  By Iginio Ugo Tarchetti – Johndore.co.uk
  • Paperback
  • 229 pages
  • Una nobile follia
  • Iginio Ugo Tarchetti
  • Italian
  • 24 February 2017
  • 9788886286015

About the Author: Iginio Ugo Tarchetti

Iginio Ugo Tarchetti was an Italian author, poet, and journalist.Born in San Salvatore Monferrato, his military career was cut short by ill health, and in 1865 he settled in Milan Here he entered literary study, becoming part of the Scapigliatura, a literary movement animated by a spirit of rebellion against traditional culture He worked on several newspapers and published short stories, novels,


Una nobile follia Una Nobile Follia Narra Il Doloroso Itinerario Di Formazione Dell Ufficiale Di Fanteria Vincenzo D Reduce Dalla Sconvolgente Esperienza Della Guerra Di Crimea, Il Protagonista Del Romanzo Di Tarchetti, Pubblicato Fra Il E Il , Pronuncia Una Condanna Senz Appello Della Vita Militare, Finendo Poi Per Ribaltare Tutte Le Leggi Di Comunanza Sociale Romanzo Impuro, A Met Fra Il Pamphlet Antimilitarista E Il Pastiche Autobiografico, Una Nobile Follia Risente Dell Ibridazione Di Molteplici Modelli Narrativi, Da Quello ManzonianoI Promessi Sposia Quello FoscolianoLe Ultime Lettere Di Jacopo OrtisAttraverso Lettere, Aforismi E Pagine Di Diario, Il Protagonista Compone Il Suo Singolare Ritratto Di Artista Martire, E La Frammentazione Della Sua Psiche Tormentata Si Traduce Nella Frantumazione Della Struttura Romanzesca, Che Quasi Implode In Se Stessa Dando Voce Ai Pensieri Malinconici E Paradossali Del Suo Eroe, Tarchetti Si Fa Dunque Anatomista Del Cuore Umano E Indagatore Del Corpo Sociale

You may also like...

10 thoughts on “Una nobile follia

  1. Pat says:

    Francesco Dall Ongaro, a proposito di Una nobile follia ebbe a scrivere che sarebbero bastati quattro o sei drammi della vita militare come quello di Tarchetti, diffusi nelle caserme e nel popolo, per risvegliare le coscienze e guarire l Italia dal flagello che divora la vita, gli averi nonch il bene pi prezioso la libert.Ovviamente l opera sollev non poche polemiche per il suo messaggio antimilitarista.Il romanzo, uscito in appendice al giornale Il Sole in ventisette puntante, tra il 12 novembre 1866 e il 27 marzo 1867, risult tanto scomodo che i vertici militari incaricarono, per la loro rivista, il giovane tenente Edmondo De Amicis di comporre alcuni bozzetti militari da contrapporre all opera di Iginio Ugo Tarchetti.Per nostra fortuna, Una nobile follia sopravvissuta a polemiche e censure Il suo messaggio rimane vivo E vale ora come valeva allora la voce del protagonista, Filippo Sporta, giovane orfano piemontese, che racconta come si diventa soldato Trasformarsi, abbrutirsi, ecco la condanna del coscritto, ecco l ideale del soldato Quando uno di essi ha vestito la sua divisa, succede raramente che vi si abbandoni senza esitazione, ma succede pure di rado che egli si ostini in una resistenza dolorosa ed inutile Avviene di lui ci che avvenne di tutti coloro che lo hanno preceduto Egli passa per le prove del ridicolo, dell isolamento, delle persecuzioni subisce tutte le torture che l uomo pu dare all uomo ogni mancanza lievissima viene riferita come una infrazione straordinaria della disciplina quindi incominciano le punizioni, il carcere, il ritiro, il regime a pane ed acqua, i ferri, i ceppi ai piedi e alle mani e intanto la volont si doma, l ostinazione si piega, e il cuore si indurisce e si frange.Allora egli vinto, egli si getta nella corrente I suoi compagni gli dicono mentisci , ed egli mente abbrutisciti , ed egli si abbrutisce rinuncia alla tua volont , ed egli vi rinuncia.Il soldato la prima vittima La personalit annullata, la mente annientata Muore l uomo e germina il soldato Quel giorno in cui gli uomini si piegheranno dinanzi al principio universale ed eterno della libert individuale quel giorno in cui verr risolto il grande quesito della solidariet delle nazioni, e sar svelata questa orrenda odissea di oppressioni, di umiliazioni e di lacrime, gli uomini si nasconderanno il volto nelle mani, ed esclameranno Noi siamo stati i carnefici dei nostri fratelli, noi abbiamo veduto la grande ingiustizia e l abbiamo tollerata Filippo, chiamato a partecipare alla guerra di Crimea, descrive la battaglia della Cernaia con una forza che scuote profondamente.Vivi passano ove la morte li ha preceduti, presentando uno scenario sinistro e doloroso Il terreno mostra tracce spaventose di lotta solchi di ruote, orme di piedi umani e di zampe ferrate di cavalli pozze di sangue rappreso e scuro, armi e soldati insepolti, cadaveri a brandelli che pendono dai pruni dei dirupi Mucchi di corpi senza vita di uomini e cavalli smarrimento L altro il nemico, non si pensa, non si aspira a vincere ma a salvarsi I morti cadono su altri corpi privi di vita o agonizzanti Alcuni soldati rimangono morti in piedi irrigiditi dal gelo della notte.La sciagura tale da togliere gioia al vincitore che piange lo scempio dettato dalla propria cecit e ferocia.Anche Filippo uccider , per legittima difesa Rivolge gli spari contro un ragazzo, disperato come lui, ma nemico perch indossa la divisa russa Questi, colpito a morte, giace a terra Il sangue sgorga e la vita scivola via Filippo lo soccorre, si lacera i panni per fermare il sangue e salvare la vita del giovane Prima di esalare l ultimo respiro, il ragazzo chiede Perch mi avete ucciso. Gi , perch La guerra s arricchisce di una nuova vittima La coscienza di Filippo muove verso la rivolta Ribellarsi, disertare Abbandona la divisa e indossa gli abiti di un civile, morto fra i morti Spogliatosi della divisa, si spoglier anche del nome, e diverr Vincenzo D.Non baster Il senso di colpa, il ricordo vivo delle atrocit della guerra non potranno essere cancellate Mi sono sognato che gli uomini avevano le teste calve, dei cranii di piombo, una criniera di leone, e al posto delle unghie avevano degli artigli di aquile Una grande battaglia si era impegnata su tutti i punti del mare e della terra non uno di essi era sopravvissuto sull ultima linea dell orizzonte si vedeva una lapide su cui era scritto Qui giace l umanit Una nobile follia non solo un romanzo a tema antimilitarista, un libro politico, di rivolta E ancora, un inno alla libert , all amicizia, all a universale.Libri sul divano dei pigri

  2. Ajeje Brazov says:

    Siamo a met Ottocento, periodo risorgimentale, un orfano dopo aver conosciuto l a della sua vita ed il progetto di una vita felice si prospetta all orizzonte, ecco che viene chiamato sotto le armi per la Guerra di Crimea e tutto si fa buio, maPrimo approccio con, Tarchetti, un autore che mi molto affine per le argomentazioni trattate e cio antimilitarismo, libert , a, considerazione degli animali quali esseri viventi e non oggetti qualunque e l espressione dei sentimenti pi puri e genuini.La scrittura molto particolare, con uso di molti termini ormai in disuso, ovviamente essendo stato scritto 150 anni fa, ma all inizio mi sorprendevo a leggere con un leggero sogghigno, perch stavo leggendo qualcosa di strano , ma allo stesso tempo mi affascinava e pian piano quella scrittura mi risultata familiare, mi dispiace averlo finito Poi la passione, che le pagine di questo libro esprimono, sono inenarrabili, bisogna leggerlo per poter capire le pagine di questo libro sprizzano di libert , di poesia pura, dell a e della vita Tutti gli uomini agiscono spinti da convinzioni proprie, loro inspirate da qualche cosa che fuori di essi Nulla assoluto Nulla vi ha di bene o di male, se non che ci che ci sembra o buono o cattivo, e che i pregiudizi e le leggi hanno voluto che fosse o l uno o l altro, allo scopo di stabilire delle norme fisse per la vita Il valore morale delle nostre azioni costituito dall armonia in cui esse si trovano colle nostre convinzioni ma ogni uomo compie il bene quando agisce secondo di esse

  3. Martina Targioni says:

    In realt sarebbero due stelle e mezzo, perch in alcuni punti era anche molto bello e mi ha preso, ma altri, pieni di spiegazioni eccessive, mi hanno impedito di dargli tre stelline.

  4. Ellera Edizioni says:

    Una Nobile Follia un libro impegnativo, sia emotivamente che intellettualmente l identificazione col protagonista infatti facile le traversie che deve affrontare metterebbero in ginocchio chiunque mentre le argomentazioni dell autore contro eserciti, guerre e governanti sono stringenti e galvanizzanti, anche se forse un po utopistiche.La trama del libro nota si narra la storia di un giovane orfano sensibile, pieno di vita, in procinto di diventare un artista affermato e alle prese con una splendida storia d a, che proprio quando vede avvicinarsi la realizzazione di tutti i suoi desideri viene chiamato sotto le armi prima e poi mandato a combattere nella guerra di Crimea L vede ci che di peggio pu fare l uomo e gli orrori che descrive sono cos vividi da essere agghiaccianti ma nonostante tutto riesce a non perdere la sua umanit Non udivamo le grida dei vincitori n i gemiti dei feriti e dei nti, ma vi era nell aria qualche cosa che sembrava piangere, che sembrava soffrire vi era quella gran voce, quella grande emanazione di dolore che la materia emette ndo migliaia di spiriti combattevano la lotta suprema della vita, migliaia di angeli aleggiavano nel vuoto, attendendo pietosi quelle anime.Quando suo malgrado costretto ad uccidere un nemico, perde la ragione, ma con un ultimo atto di volont decide di sottrarsi a tutta quella violenza e diserta Sotto mentite spoglie riesce a tornare a casa, ma non riuscir pi a togliersi di dosso l orribile marchio che la guerra lascia su tutti quelli che la combattono.Arrivati alla fine della lettura, sono diverse le cose che rimangono impresse la prima parte della storia di una dolcezza e di una delicatezza rare, che rendono ancora pi violenta la piega che prende il racconto, in una costruzione tecnicamente magistrale portata avanti da tre voci narranti, che come scatole cinesi ci portano dritti verso l abisso dell abiezione umana poi la lucida analisi della retorica militarista e la demistificazione dell eroe Tutti coloro che hanno preso parte ad una battaglia sanno che cosa un eroe comprendono come colui che ha fatto sacramento bench sacramento imposto di esporre la propria vita e di attentare a quella degli altri, non compia che un semplice dovere annuendovi intendono agevolmente come l istinto della conservazione ci porti all atto della difesa, come la difesa sia pi energica quanto pi ostinato l istinto, e come questo istinto faccia i pi grandi eroi di coloro che sarebbero stati i codardi pi volgari nella loro vita privata.Infine, l apologia della disobbedienza civile, per Tarchetti simbolo di libert , alla quale sono dedicate righe vibranti e piene di pathos Vi qualche cosa di eroico nella risoluzione di quegli infelici, che per sostenere il pi santo dei loro diritti, quello della loro libert , si ribellano contro la societ , e imprendono una lotta spaventosa e disperata contro di essa Non tutti gli uomini sono capaci di una rivolta s ardimentosa e s giusta, non tutti la comprendono i docili sono gl insensati e i codardi, il disertore non mai un uomo comune.Per alcuni Una nobile follia un libro a tema, che risente un po del fatto che debba dimostrare una tesi, ma noi per controbattere non possiamo che utilizzare le stesse parole di Tarchetti, augurandovi nel contempo buona lettura triste la civilt di quel paese, in cui la letteratura un arte e non una missione