Breve storia della bugia Da Ulisse a Pinocchio

Breve storia della bugia Da Ulisse a Pinocchio Kindle
  • Hardcover
  • 157 pages
  • Breve storia della bugia Da Ulisse a Pinocchio
  • Maria Bettetini
  • Italian
  • 18 October 2018
  • 9788870786972

About the Author: Maria Bettetini

Is a wellknown author, some of della bugia Kindle his books are a fascination for readers like in the Breve storia della bugia Da Ulisse a Pinocchio book, this is one of the most wanted Maria Bettetini author readers around the world.


Breve storia della bugia Da Ulisse a PinocchioUlisse mentì per salvarsi la vita, della bugiaKindle #180ma anche per il piacere di farlo Platone consigliava ai governanti di mentire nell'interesse del popolo Nel Medioevo si pensava che la bugia fosse un attacco alla parola di Dio, la Verit e gli attori, bugiardi di professione, venivano sepolti fuori dalle mura delle città, insieme a ladri, maghi e falsari Poi, improvvisamente, la bugia diventò Breve storiaPDF orun'arte, attraverso il pensiero di Machiavelli, i manuali dei gentiluomini e l'esplosione dell'arte di stupire Questo libro racconta la storia della bugia le bugie di governanti, giocatori, artisti e bambini, visti dalla parte dei filosofi e poeti, i grandi bugiardi di sempre.

You may also like...

10 thoughts on “Breve storia della bugia Da Ulisse a Pinocchio

  1. Silvia Gonella says:

    Interessante e scorrevole, questo saggio presenta una panoramica generale sul tema della bugia e della finzione. Mentire non è inteso come "dire il falso", cosa che porterebbe a un discorso infinito su cosa sia di fatto la Verità, ma come intenzione di ingannare il prossimo. Si tratta quindi di un atto volontario, libero e sociale: si basa infatti sulla comunicazione con il prossimo, senza la quale è impossibile anche mentire. L'autrice cita numerosissimi autori che hanno trattato il tema (Pirandello per l'opera "La patente", Grozio, Sant'Agostino, Dostoevskji, Eco, Kant, Nietzsche...) perció, per capire a pieno l'opera, è necessario quanto meno conoscere a grandi linee i maggiori filosofi medievali e moderni. Veramente interessante l'ultima sezione, in cui l'autrice considera l'arte come la migliore delle finzioni, grazie a cui l'uomo puó trovare delle chiavi di lettura che diano un senso alla vita reale, troppo "imprevedibile, destabilizzante e scandalosa" per essere analizzata nella sua complessità. L'arte consente di isolarne alcuni aspetti, limitare i punti di vista, costruire un universo verosimile ma più semplificato, in cui l'uomo puó più facilmente muoversi e ricercare risposte ai propri dubbi.
    Consigliato per la varietà di punti di vista che presenta e per la leggerezza dello stile.